CORONAVIRUS

CORONAVIRUS


Dato il continuo mutare dei dati relativi all’evolversi dell'epidemia da coronavirus e la discrepanza di informazioni sull’argomento abbiamo ritenuto necessario comunicarvi la nostra procedura finalizzata ad eseguire cure odontoiatriche e procedure mediche in piena sicurezza. L'accesso allo studio è riservato a pazienti muniti di appuntamento che vengono individuati come non sospetti COVID 19; questa valutazione viene eseguita a mezzo telefonico durante il primo contatto, eseguendo delle domande sullo stato di salute generale e viene ripetuta ad ogni accesso del paziente in ambulatorio. Nell'area riservata alla segreteria il paziente deve indossare una maschera chirurgica e l'agenda è organizzata al fine di evitare la presenza contemporanea di troppe persone in sala d'attesa, la quale è comunque attrezzata con un depuratore d'aria che elimina ogni tipo di microrganismo, coronavirus compreso. La maschera deve essere indossata fino all'accesso in area operativa e poi nella fase di ritorno in segreteria dopo l'esecuzione delle cure. Il paziente viene invitato appena entrato ad igienizzare le mani con soluzioni idroalcolica e ad indossare dei copriscarpe monouso. In sala d'attesa non sono presenti riviste, giornali o qualsiasi altra cosa che non sia facilmente e frequentemente sanificabile . In alcuni casi può essere utile la rilevazione della temperatura corporea.  Gli effetti personali del paziente come cappotti, borse, telefoni cellulari ecc. vengono depositati in una zona dedicata e non sono portati all’interno della sala operativa. Una volta entrato in sala il paziente viene invitato ad eseguire uno sciacquo con soluzione antivirale. Il corona virus essendo un agente patogeno delle vie respiratorie può causare trasmissione attraverso la sospensione aerea di piccole particelle di vapore acqueo contenenti il virus.

Questa situazione si può creare durante le cure odontoiatriche che generano aerosol.  
Dal punto di vista operativo distinguiamo quindi due tipi di situazioni:
1)visite e procedure senza utilizzazione di aria compressa e liquidi, quindi senza produzione di aerosol.
2) procedure nelle quali si rende necessario l ‘utilizzo di aria compressa mescolata ad acqua che genera quindi aerosol.
Conseguentemente le misure di profilassi da parte degli operatori sono diverse.
Nel primo caso, il più semplice, i dispositivi di protezione individuale sono quelli comuni cioè guanti, occhiali protettivi o schermi facciali e maschere chirurgiche.

Il secondo caso e quello che necessita di più attenzione. I dispositivi di protezione individuale indossati dall'operatore   sono più ermetici, oppure in alternativa viene utilizzata una struttura in plexiglass che consente   la totale separazione tra l’operatore ed il paziente. Ogni strumento presente all’interno di un cerchio con un raggio di due metri ed al centro la testa del paziente è ricoperto con materiale monouso che viene completamente sostituito tra paziente e paziente. L’aerosol generato viene completamente aspirato ed eliminato dopo essere stato sterilizzato. Come misura ulteriore nella sala operativa è presente un depuratore di aria, analogo a quello della sala d'attesa ma con potenza maggiore che elimina ogni tipo di microrganismo presente nella zona.

La messa in atto di tali procedure contemporanee e sovrapposte elimina completamente la probabilità di una trasmissione paziente- operatore, operatore-paziente e nel contempo la possibilità di una contaminazione crociata tra pazienti. Questa operatività è ovviamente diversa rispetto al periodo precovid in quanto i tempi si allungano a causa degli intervalli necessari per le procedure di disinfezione.  Come già detto, l'agenda deve essere pianificata con intervalli di sicurezza in modo da evitare la presenza contemporanea di troppe persone in sala di attesa.

Queste sono le procedure che abbiamo adottato in questo momento epidemiologico.

Non riteniamo utile, in questo momento, l’uso di test sierologici anticorpali o tamponi faringei, in quanto possono generare delle “finestre” temporali di falsi negativi che possono indurre ad abbassare la soglia di attenzione.

È chiaro che qualora la situazione si modificasse in senso positivo, come tutti ci aspettiamo, anche questi modelli organizzativi verranno rivisti.

Fiducioso che queste modifiche vengano recepite come la volontà di ottenere la massima sicurezza, colgo l'occasione per porgervi i miei più cordiali saluti.